Dettaglio notizie Dettaglio notizie

Si ricorda che qualora l'alloggio sia dotato di un impianto di riscaldamento autonomo (le normali caldaie, con potenza nominale inferiore a 35 kw) l'assegnatario dell'alloggio ha la responsabilità dell'esercizio e della manutenzione, e l'obbligo, per legge (DPR 551/99), di far verificare il funzionamento e la pulizia della caldaia da un tecnico abilitato, almeno una volta all'anno.
Le revisioni devono essere riportate e aggiornate sul libretto dell'impianto. Il tecnico abilitato al controllo deve anche provvedere, almeno ogni due anni, alla verifica del rendimento della caldaia, tramite un'analisi dei prodotti della combustione e alla "prova del tiraggio" della canna fumaria. Quindi trascriverà i dati sul libretto dell'impianto e allegherà il responso stampato dall'apposita strumentazione.
Il locale dove è posta la caldaia deve essere aerato dall'esterno e non ne va modificata per alcuna ragione il regime di aerazione. I fori di aerazione vanno mantenuti in funzione verificando periodicamente il regolare passaggio dell'aria. Non sideve in nessun caso e per nessun motivo ostruire o coprire i fori di aerazione: sono indispensabili per la sicurezza degli occupanti dell'alloggio, in quanto provvedono al corretto apporto di ossigeno e, in caso di guasto della caldaia, alla fuoriuscita di gas dannosi alla salute. Analogamente, è necessario che l'inquilino faccia verificare e pulire la canna fumaria, facendosi rilasciare dalla ditta la documentazione di quanto eseguito. Una canna fumaria ostruita è  estremamente pericolosa: i gas prodotti dal funzionamento della caldaia  non escono e, se respirati, possono essere letali.
L'inquilino responsabile dell'impianto è tenuto alla conservazione del libretto. In caso di restituzione dell'alloggio, l'inquilino deve consegnare a Casalp il libretto, aggiornato con le manutenzione e gli eventuali allegati. Se il libretto dovesse mancare, gli oneri per le necessarie verifiche e per il rilascio di un nuovo libretto saranno a carico dell'inquilino.
La manutenzione della caldaia è obbligatoria per legge, ma soprattutto è una garanzia per chi abita negli appartamenti. Inoltre una corretta manutenzione della caldaia negli anni dà diritto all'assegnatario ad ottenere la sostituzione gratuita della caldaia da parte di Casalp, qualora non sia più funzionante e qualora sia stata installata da ditta incaricata dal Comune di Livorno o Casalp stessa. Sarà sufficiente per l'inquilino presentare una richiesta in carta semplice all'ufficio manutenzione, allegandovi una dichiarazione del tecnico abilitato che certifichi la necessità di sostituire la caldaia, copia del libretto dell'impianto ed i certificati degli ultimi tre anni delle manutenzioni eseguite.
 






Articolo pubblicato in data 02/08/2012